Kizhi

Kizhi

Il villaggio e chiese dell'isola di Kizhi sono stati menzionati per la prima volta nelle cronache più o meno 400 anni fa. Nel XVI secolo l'isola ha ottenuto la grande importanza dovuta al suo stato del centro amministrativo della zona, e contava i numerosi insediamenti anche sulle isole vicine. Era la terra della gente diligente, agiata e religiosa, fra cui pescatori, contadini, artigiani, mercanti, carpentieri e fabbri con la loro propria cultura, tradizioni, costumi.

La parte centrale del complesso architettonico dell-isola di Kizhi viene rappresentata dlla Chiesa della Trasfigurzione, la Chiesa dell'Intercessione e del Campanile trovato tra quelle due.

La chiesa della Trasfigurazione del Salvatore di 22 cupole costruita nel 1714 si considera l'attrazione chiave del Posgost di Kizhi. Fu disegnata e costruita come la chiesa estiva, cioè le funzioni religiose si celebravano solo durante il periodo d'estate. 

Vicino alla chiesa della Trasfigurzione c'è la chiesa dell'Intercessione costruita nel 1764; nonostante che alcuni studiosi ritengano questa data sbaglata. Mentre le chiese si distinguono in planimetria tutte le due si percepiscono in assoluta armonia creando assieme con il Campanile unico complesso architettonico. 

La chiesa di Lazzro si trova vicino al complesso principale. Viene considerata la chiesa di legno più antica in tutta la Russia dato che risale alla metà del 14 secolo. Questa chiesa è stata portata quì enl 1960 dal Monastero di Murom situato sulla riva sud del lago Onego.

L'isola di Kizhi alberga un numero delle cappelle che fanno parte integrale del complesso. 

Oltre le chiese e cappelle ci sono anche delle case tradizionali di legno, mulini ad acqua e a vento, granai, saune.

Si può sapere di più della vita e tradizioni dei contadini che abitavano nella zona durante i secoli precedenti.

Le collezioni del museo contengono numerose icone che risalgono ai secoli 18-19.

il Pogost di Kizhi è iscritto nella lista dell'UNESCO.

Natura
La zona di Kizhi è ricca in varie specie degli uccelli, animali e alberi che oggi sono sotto protezzione del governo.
Si possono organizzare i tour in barche o a piedi per esplorare la natura della zona.

1. In Aliscafo.

Dal 20 maggio al 20 settembre circa c'è la linea fluviale che colega Petrozavodsk e l'isola di Kizhi.
La distanza fra Kizhi e la città di Petrozavodsk è 63 km; Ci vuole 1 ora 15 minuti per raggiungere l'isola in aliscafo.

In caso delle tempeste o nebbia densa le gite si possono rimandare o anzi cancellare.

2. In Motoscafo.

Si può usare i motoscafi privati per arrivare all'isola. Dato che in estate ci sono degli aliscafi regolari che circolano fra la città e l'isola non si ritiene ragionevole approfittare del trasporto privato che viene più caro e meno comodo. Comunque, nella seconda metà del mese di settembre e all'inizio di ottobre quando la stagione alta è già finita la gita in motoscafo dal villaggio di Velikaya Guba (al nord dell'isola di Kizhi) può rimanere l'unica opportunità. 

3. In Hovercraft.

In invertno quando il lago Onego si gela si può lo stesso arrivare all'isola in hovercraft, un veicolo a cuscino d'aria capace di funzionare sulla superficie di ghiaccio ed acqua. La gita di andata dura 1 ora 15 minuti e dipende dalle condizioni di tempo e di ghiaccio del lago.

5. In Motoslitta.

Guidare una motoslitta sulla superficie ghiacciata dipende dalle condizioni di ghiaccio. Dato che per viaggiare in motoslitta ci vuole lo strato di ghiaccio più spesso di quello per viaggiare in hovercraft i mesi di febbraio e marzo sono ritenuti più oportuni per farlo in motoslitta.

%catalog form('Prenotare transfer a Kizhi')%

Scoprire la Carelia

Scoprire la Carelia

3 Giorni/ 2 Notti

Venire a conoscere i luoghi storici e la natura

  • Isola di Kizhi
  • Il parco di montagne e il canyon di marmo Ruskeala 
  • I'autentico villaggio careliano di Kinerma
  • La cascata Kivach e la fattoria di husky